Fratelli

Fratelli.
Seduti sul trattore del nonno a mangiare i fichi appena raccolti.
Spalla contro spalla, raccontarsi storie, immaginare avventure, “Occhèi Michi, stavolta guidi tu, ma la prossima tocca a me”. “Ah” (che tradotto dal michelese vuol dire Sì).
Avere la certezza che uno accanto all’altra ci si può anche perdere, ma non si sarà mai soli. Il vecchio trattore che diventa una nave volante come quella di Peter Pan, le manine appiccicose strette a quelle della sorellona, un pomeriggio che sembra qualunque ma che a sbirciarlo da non troppo vicino (perché certe volte una mamma deve sapersi tenere alla larga) ti accorgi essere spolverato di magia.
Fratelli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.