Il posto delle mamme

 

 

Scriveva Virginia Woolf che “una donna deve avere […] una stanza tutta per sé per poter scrivere”.
Una mamma (soprattutto una mamma!) ha bisogno di un posto tutto per sé.
Un luogo reale o immaginario dove riprendere fiato: nella vasca da bagno quando tutti dormono, in auto con la musica a palla o in beata solitudine in ufficio, a piedi nudi nel parco, davanti a una tazzina di espresso o con in mano un Moscow Mule: tutte abbiamo o cerchiamo quel piccolo spazio vitale dove stare “da sole con noi stesse” e ricaricarci, dormire, ritrovare la scintilla che credevamo spenta.
Alzi la mano chi non ce la fa ad essere perfetta sempre e comunque e se ne è fatta una ragione.
Alzi la mano chi ama se stessa – o ci sta provando da una vita.
Alzi la mano chi ama sconfinatamente i propri figli ma a volte salterebbe sul primo aereo per prendersi una vacanza da loro.
Alzi la mano chi vorrebbe fare rete con le altre colleghe mamme, perché critiche e giudizi fanno solo girare le ovaie.
Orpolà, siamo tantissime. Facciamo un party!
Questo è il mio posto. La porta e le finestre sono sempre aperte, spero che vi andrà di venire a trovarmi, raccontarmi di voi, respirare e ridere insieme.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.