Tag: crescere

I meravigliosi due anni

Michele, due anni e cinque mesi di incontenibile entusiasmo per tutto.

Ho due anni e quando mi stanco di dormire in camera con mia sorella mi infilo nel lettone. Mi piace così tanto sentire l’odore della mamma, il suo calore sotto il piumone. Nessuno ha ancora capito come sia geometricamente possibile ma pur essendo alto due mele o poco più riesco ad occupare tutta la superficie dormendo a braccia e gambe spalancate, così papà è costretto a passare la notte su un fianco, comodo come un fachiro.
(altro…)

Domani cresco

A volte Zoe lamenta dolori in varie parti del corpo: una volta è un ginocchio, un’altra il polso. Appurato che non è nulla di grave le spiego la mia teoria in proposito, anche se non […]

Il posto sbagliato

Essere mamma* vuol dire essere nel posto sbagliato. Sei nel posto sbagliato quando, dopo aver partorito, ti ritrovi in stanza una “collega” con la voce di Puffetta che passa il tempo blaterando al telefono di […]

Il secondo figlio (parte prima)

C’è una cosa che quei furbacchioni del Fertility Day vi tengono accuratamente nascosta, ed è questa. Se dopo il primo figlio vi sentite mamme fighissime, se pensate “Tzé, bazzecole! Per me, una passeggiata di salute” […]

Pirati

Questa mattina, mentre Zoe, Michele e io viaggiavamo verso l’asilo, alla radio è esplosa “Hey ho, let’s go!” dei Ramones. Ho alzato il volume e Michele ha iniziato a muovere la testa a destra e […]

In viaggio con papà

Cari padri, eccovi qui. Lasciate che vi dica due parole. Non avete capito niente quando vi è stato detto che aspettavate un bambino. Non avete capito molto quando avete visto la prima ecografia e continuavate […]

C’erano una volta i genitori (e oggi c’è lo smartphone)

Questa è la storia di Pietro, due anni. Pietro arriva ogni giovedì in palestra insieme alla sua mamma per accompagnare la sorellina alla lezione di danza, la stessa a cui io accompagno mia figlia.

Il patto

Stanotte ho fatto un sogno. Ho sognato di svegliarmi una mattina senza che tu venissi a chiamarmi. Ogni giorno, alle sette in punto, arrivi in punta di piedi e mi chiami: “Mamma, io ho fame, […]

La fuga

A casa. “Mamma, posso mangiare un altro cioccolatino della Befana?”. “No, amore, oggi ne hai già mangiati abbastanza. Lo sai che poi ti viene mal di pancia”. “Uffa però! Oggi è il più brutto giorno […]

Abbracci per la mamma

A un anno e tre mesi, mio figlio non cammina, non parla e a tavola è svogliato che pare Maria Antonietta. Ha la proprietà di linguaggio di un bonobo e non ci pensa proprio a […]

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.